alt text
Ossigeno-Ozonoterapia
Studio Dr. Claudio Morosi
dal 1990
alt text

L’ozonoterapia è efficace nel 80% dei casi di trattamento delle discopatie: ernia del disco,lombare e cervicale

Terapia

L’ossigeno-ozonoterapia è ampiamente utilizzata nel trattamento delle discopatie. La metodica infatti svolge un ruolo importantissimo sia nel controllo dell’infiammazione sia nella riduzione del mal di schiena che caratterizza questa patologia.

Approfondisci

Degen. discale

Progressiva ed irreversibile disidratazione della struttura centrale del disco vertebrale, detta nucleo polposo. Esso è costituito prevalentemente da acqua e proteoglicani e svolge un importante ruolo di ammortizzatore […]

Approfondisci

Protrusione discale

Vero e proprio sfiancamento simmetrico ovvero asimmetrico del disco rispetto al margine del corrispettivo corpo vertebrale. La porzione di disco protrusa può andare incontro a processi degenerativi di natura calcifica. […]

Approfondisci

Ernia del disco

Fuoriuscita di porzioni di nucleo polposo, di dimensioni variabili, dall’annulus fibroso in cui è normalmente contenuto. La porzione di disco erniata causa fenomeni compressivi sulle diverse strutture nervose, causando dapprima […]

Approfondisci

Il mal di schiena ha nella società occidentale una diffusione epidemica. Infatti quasi l’80% della popolazione adulta incorre in questo disturbo.

Protusioni ed ernie discali sono tra le cause più frequenti di “mal di schiena” con eventuale irradiazione del dolore all’arto inferiore (lombosciatalgia). Fino a qualche anno fa il trattamento elettivo dell’ernia discale era di pertinenza chirurgica. Il frequente riscontro che terapie non chirurgiche possono indurre ad un notevole beneficio clinico, ha favorito lo sviluppo di diverse tecniche di trattamento conservativo.

Tra queste l’ossigeno-ozonoterapia ha assunto un ruolo di particolare rilievo. Il trattamento delle patologie discali (ernia del disco,ernia cervicale, ernia lombare) con ossigeno-ozonoterapia permette di risolvere la sintomatologia dolorosa, di eliminare lo stato infiammatorio, di ridurre la contrattura della muscolatura paravertebrale ed inoltre, in alcuni casi, di interferire con la struttura dell’ernia favorendone la riduzione.

Per questi motivi si può affermare che la metodica costituisce una valida alternativa ai classici approcci terapeutici sia conservativi che chirurgici. SCARICA LA BROCHURE